Maria Grazia Chiuri svela l'anima della nuova Dior Cruise 2019

Il luogo che appartiene al cuore fiero di Francia attraverso lo sguardo sognante di Maria Grazia Chiuri diventa un luogo altro, che appartiene a molti angoli di mondo.

image
Getty Images

Ci ha chiesto di viaggiare lontano Maria Grazia Chiuri: e seguirla è stato facile. La direttrice creativa di Dior ci farà viaggiare a lungo con questa collezione Cruise 2019. Lo racconta in questa intervista dove, tra reale e irreale, apre le porte del suo moodboard sartoriale. “Tra i riferimenti ci sono i racconti di Isabelle Allende (tra gli altri ndr)” e immancabile nello show allestito ad arte a Chantilly ritorna quel realismo magico della Allende che “parlano di mito e realtà, fantasia e sogno, reale e irreale”.

Non un richiamo a un passato lontanissimo, ma piuttosto un link diretto con il nostro tempo e le eroine che vivono a cavallo tra ieri e oggi. Come le “escaramuzas, primo team sportivo di un rodeo. Sono iper-disciplinate e vogliono praticare questo sport senza rinunciare alla loro femminilità per questo abbiamo creato un Dior Rodeo con queste amazzoni”.

Il luogo che appartiene al cuore fiero di Francia attraverso lo sguardo sognante di Maria Grazia Chiuri diventa un luogo altro, che appartiene a molti angoli di mondo: “siamo a Chantilly paese famoso per i cavalli quanto per i pizzi, pizzi che fanno parte della tradizione del sud della Francia, del Sud Italia e anche del Sud America...”.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News