Quanto è facile/difficile lavorare per le modelle dalla bellezza non convenzionale?

No, non si tratta solo di beauty standard imposti dalla società.

image
Getty Images

Adesso che il mese delle Settimane della Moda è finito e che la New York Fashion Week si è svolta sotto il segno dell’inclusività, riflettiamo su uno di quei temi costantemente caldi che riguardano l’industria della moda: l’esordio (difficile) delle modelle dalla bellezza non convenzionale.

Non importa quanto siamo intelligenti o acculturati, nel nostro inconscio c’è sempre qualcosa che ci intimidisce davanti al "diverso". La barriera che ci poniamo di fronte alle modelle particolari, diverse, strane, non ha a che fare con i beauty standard imposti dalla società ma con il nostro istinto biologico. In poche parole, quello che chiamiamo “discriminazione” o “pregiudizio” non è altro che un segnale naturale, un istinto selvaggio di “paura” che serve come un allarme per proteggerci da eventuali pericoli sconosciuti. Qualcosa o qualcuno che non è simile a noi ci fa scattare immediatamente un senso di pericolo dentro, e una specie di sistema di difesa si attiva nella nostra testa. Ecco spiegato perché tendiamo a far amicizia o semplicemente stare con chi è o pensa come noi. Così, nel nome di questo senso di sicurezza condiviso, creiamo criteri e parametri per qualsiasi cosa, etica ed estetica compresi. Chiunque o qualsiasi cosa non corrisponda a questi standard, allora, “non ci riguarda” oppure è “da discriminare”. Da qui, la nascita di gruppi - dalle piccole gang alle nazioni ai gruppi religiosi.

Getty Images

Ma la paura non è statica, anzi, tutto l’opposto. Se non trattata con le pinze (e con intelligenza), la paura tende a diventare enorme e a causare danni che vanno oltre il “pregiudizio a fin di bene”, pensiamo ad atti violenti, alle guerre, ai massacri studiati a tavolino.

Tralasciando storia e sociologia, e concentrandoci sulla couture mondiale, consideriamo le modelle dai look molto poco convenzionali. Per loro iniziare a lavorare nel mondo della moda è complicato non tanto per i parametri estetici consolidati dalle maison, quanto per il dover distruggere quel senso di paura del diverso che può rapire chi guarda. E le modelle asiatiche o di colore ne sanno qualcosa.

Getty Images

In questo caso, però, la paura non ha per forza una connotazione negativa. Lasciarla letteralmente pascolare tra i nostri pensieri e nei discorsi che intratteniamo con gli altri, può rivelarsi illuminante. Sempre se trattata con intelligenza, ovviamente. Alleniamo le nostre menti, orecchie, occhi a notare sì, ma soprattutto apprezzare le differenze, educhiamoci. Perché, nel momento in cui il nostro cervello smetterà di vedere il nuovo come un pericolo, il senso di protezione verrà meno e potremo iniziare a conoscere l’altro davvero. Col tempo, ciò che prima era un nemico diventerà normalità. In fondo, niente è più malleabile delle nostre menti, c’è solo bisogno di educarle con intelligenza. Familiarizzare con il pericolo è l’unica via per vincere le nostre paure ancestrali.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News