Rallentiamo, collezioniamo, ricordiamo, parola di JW Anderson

Lo stilista in esclusiva a MarieClaire.it: perché oggi una collabo con Uniqlo, perché oggi credere nell'evergreen democratico, perché oggi sperare nella bellezza.

Fashion, Outerwear, Furniture, Textile, Room, Photography, Fashion design, T-shirt, Vintage clothing, Costume,
Courtesy Photo

“Penso che oggi ci siano così tante informazioni che possono fare riflettere le persone in modo abbastanza negativo: in passato siamo sopravvissuti a situazioni drammatiche ma con molte meno informazioni e questo, credo, ci faccia sentire peggio come mai prima d’ora. La moda può essere utile nel modo in cui è stimolante e creativa. E, personalmente, la creatività mi guida ancora moltissimo”. Con queste parole JW Anderson ci racconta quanto sia complesso creare moda e desideri in un momento dove l’ultimo dei desideri è acquistare capi per (non) uscire. L’occasione è la rinnovata collaborazione con Uniqlo, brand con cui il designer nord irlandese porta altrove il concetto di LifeWear (tradotto: vestire per vivere non viceversa). Altrove, ovvero più vicino tanto a persone che, per target e budget, non indossano capi Loewe (di cui è creative director) quanto a persone che lo seguono dai suoi esordi con il proprio brand, JW Anderson e continuano a supportarlo anche dopo il boom di it-bag da record.

Debutto fisico di alcuni capi e linea completa online, la nuova capsule collection di JW Anderson per Uniqlo si intitola British Country Style e presenta il pensiero del designer per la Primavera Estate 2020. Non solo: tra la ventina di capi uomo e altrettanti donna, in questa collabo debutta anche la linea bambino, completamento di uno stile di vita che induce sempre più a considerare i capi quali evergreen anche quando costano cifre democratiche. Patchwork, ginkam, check, maxi quadri per linee da weekend infiniti: linee che, per “prassi” del brand nipponico, non definiscono alcun corpo ma lo seguono, texture che richiamano viaggi che faremo in tempi indefiniti, tutto questo è la parola LifeWear secondo JW Anderson.

Courtesy Photo

Come descriveresti il tuo stile di vita in quattro parole chiave?
Creativo, ottimista, impegnato, divertente.

Qual è il punto di forza della collaborazione con il marchio?
Da anni realizzo questa collaborazione perché compro e vesto Uniqlo. È un marchio di cui mi fido. È semplice, molto ben fatto, i materiali hanno sempre avuto una buona resistenza. Questa collaborazione è come una base su cui JW Anderson può essere indossato: è la base del classicismo, è tutto ciò che facciamo distillato fino alle basi. Dura ormai da così tanto tempo, che, ogni volta, ho il tempo di migliorarla sempre di più.

Courtesy Photo

Se dovessi indicare la prima fonte d'ispirazione di questa nuova edizione?
Specialmente quando risiedevo a Londra, osservavo la campagna inglese ed ero affascinato all'idea di viaggiare dal paese alla città con una collezione che potesse essere indossata in egual modo anche in contesti diversi. Per i tessuti, abbiamo esaminato diversi texture a strisce, ginghams e motivi degli anni '40, lavorando con Uniqlo per svilupparli di più.

Sei molto orgoglioso di ...?
Molte cose, ma soprattutto molto orgoglioso delle ultime collezioni. Da JW Anderson e Loewe e sicuramente Uniqlo.

Sei davvero felice quando ...?
Ho un po' di tempo per arrivare a casa mia a Norfolk, nella campagna inglese.

Courtesy Photo
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News