Guardatela bene, questa ragazza sta già cambiando il mondo

Quannah Chasinghorse Potts è il volto (e la voce) della nuova campagna one future #ckone dedicata ai giovani che stanno cambiando la loro generazione, unita da un futuro comune.

“Non sono un’attivista, sono una protettrice. E sto cercando di proteggere il mio stile di vita, di praticarlo, sto provando a condividere la mia storia”. Quannah Chasinghorse Potts ha 17 anni, viene da Fairbanks, Alaska, ed è la portavoce della campagna per il riconoscimento dell’Arctic National Wildlife Refuge, un’area naturale degli Stati Uniti nel mirino dello sfruttamento petrolifero (soprattutto durante la parentesi politica trumpista). Quannah si batte per far sì che questa terra sacra sia dichiarata Area Wilderness, zona protetta, ed è anche per questo che è stata scelta da Calvin Klein come volto (e voce) della sua ultima campagna one future #ckone. Sostenitore della cultura giovanile da più di 25 anni, CK One oggi attraverso corti d’autore si affida alle voci potenti di 11 giovani altrettanto potenti, quelli di una generazione unita da un futuro comune. Immortalati nelle loro città natali, i protagonisti della campagna - che è anche una piattaforma online dedicata alla celebrazione dell’espressione di sé e dell’individualità - raccontano esperienze, prospettive e speranze. “Penso che Calvin Klein rappresenti le persone così come sono, il loro vero sé, allo stato grezzo”, ci racconta Quannah, per metà membro tribale della Han Gwich’in Eagle in Alaska e per metà della Oglala Lakota della Rosebud Lakota Nation. “Grazie a questa campagna è stato in grado di innalzare la mia voce, includendomi in questo straordinario progetto, aumentando la consapevolezza e la rappresentazione del mio popolo”. “Ogni anno vado a caccia di caribù con la mia famiglia e pesco salmoni in estate, sono attività che mi hanno avvicinata moltissimo alle terre delle popolazioni indigene e al loro stile di vita. Che poi è anche il mio. Sono molto interessata al cambiamento climatico e alla giustizia ambientale. Beh, amo anche molto giocare a basket, fare musica e snowboard, e sto imparando le tecniche tradizionali di tatuaggio”.

Courtesy Calvin Klein

Qual è lo stereotipo più faticoso con cui hai dovuto fare i conti nella tua vita.
Lo stereotipo più faticoso e degradante è che "i nativi sono ubriachi e tossicodipendenti". La storia insegnata alle persone è romanzata e non insegna la verità sul genocidio americano dei popoli indigeni che ha provocato traumi generazionali e oppressione razziale, ambientale e sistemica che le popolazioni devono ancora affrontare oggi. Il modo migliore per aiutare a cambiare questa narrativa è dare riconoscimento alle persone che stanno facendo del loro meglio e che lavorano instancabilmente per ottenere un vero e proprio cambiamento.

Quali sono le tue armi contro l’odio.
La mia arma principale è quella di ricordare a me stessa di non dimenticare mai chi sono e da dove vengo, il che per me significa il mio profondo legame con le mie terre indigene.

Qual è la differenza tra activist e protector.
Sento che chiunque potrebbe essere un attivista per qualsiasi cosa in cui crede, a favore o contrario a qualsiasi problema o causa. Essere un protettore ha un significato più profondo per me come persona indignata perché sto proteggendo le nostre tradizionali terre sacre, gli animali, le acque e, proteggendo così, il nostro modo di vivere per le generazioni future.

Quando hai deciso che saresti diventata una protector?
Sono cresciuta con un forte legame alle mie tradizioni, culture, valori e terre. Mi è stato insegnato a usare la mia voce ed essere sempre rispettoso. Non ho un momento specifico che mi abbia portato dove sono oggi. La mia passione come protettore è radicata nei miei valori culturali. Fin da giovane ho sempre parlato della vera storia d'America. Quando ho avuto l'opportunità di includere la mia voce, l'ho colta.

Quando torneremo a viaggiare, come potremo essere turisti responsabili e sostenibili visitando l’Alaska.
Onorare e rispettare la terra che qualcuno sta visitando, acquistando, per esempio, l’arte tradizionale di artigiani indigeni, visitando le attrazioni turistiche gestite da indigeni come l'Alaska Native Heritage Center ad Anchorage. Se visiti un villaggio, sii rispettoso e non estrattivo. Chiedi il permesso ai nativi prima di fotografarli.

Dove vorresti essere fra 25 anni.
Vorrei continuare a essere un sostenitore del mio popolo e a diffondere consapevolezza attraverso il lavoro che faccio. Spero di seguire i miei sogni e rappresentare la mia gente nel miglior modo possibile.

Come vorresti fosse la società fra 25 anni.
Vorrei che il sistema politico americano cambi in meglio e che ci sia vera libertà e giustizia per tutti. Che le nostre scuole comincino a insegnare la vera storia d'America. Vorrei anche vedere affrontare la crisi climatica. Tra 25 anni avrò la stessa età che mia madre ha adesso, 43 anni, e a quel punto spero che saremo in grado di lasciare un mondo migliore per le generazioni future.

This content is imported from YouTube. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.


This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News