Vendevano borse di Hermès a un prezzo triplicato, truffa milionaria a Parigi

La banda arrestata a Parigi aveva messo insieme una rete di finti attori, per comprare borse vere, e rivenderle in un finto showroom. Per 4 anni. E se non avete capito come sia stato possibile, non siete i soli.

paris, france   january 26 estelle chemouny wears a beige  pale brown long wool coat, pale blue ripped denim jeans, brown leather crocodile pointy shoes  boots, a hermes bag, on january 26, 2021 in paris, france photo by edward berthelotgetty images
Edward BerthelotGetty Images

Se Samantha Jones in Sex and The city era disposta a fingersi la manager di Lucy Liu, pur di saltare la sua lista d'attesa, per una borsa di Hermès, la banda di truffatori arrestata questa mattina a Parigi, era andata ben oltre, creando persino un finto negozio, dove si vendevano borse della maison, che invece erano autentiche. Se la notizia sembra esilarante, è perché un po' lo è. Ma cosa è successo? Secondo il Times, che ha diramato la notizia in mattinata, sono state arrestate oggi, dalla polizia parigina, 10 persone, tra i 24 e i 57 anni, dopo diversi mesi di indagini. L'accusa? Secondo Le Parisien, si tratta di riciclaggio. La banda agiva assoldando giovani attori che arrivavano direttamente dalle scuole di recitazione – il cui ricambio continuo era necessario per non generare sospetti – mandandoli nella boutique della maison francese, ad acquistare, legalmente, le famose borse Kelly o Birkin per esempio. Se questi "figuranti" ricevevano un bonus fino a 500 euro, per fingersi facoltosi milionari e annoiate aristocratiche, in cerca di un nuovo feticcio per tutti i negozi di Francia e d'Europa, chi gestiva l'affare guadagnava molto di più. Una volta acquistate legalmente le borse di Hermès, i prodotti erano dunque rivenduti a prezzi triplicati. Tutto legale – come d'altronde lo è l'odiato/amato fenomeno del reselling – se non fosse che, per farlo, la banda aveva messo in piedi un finto showroom Hermès, in Faubourg Saint Honoré, poco distante dal monomarca – quello autentico – dove clienti alla ricerca dell'affare, convinti di aver furbescamente trovato il modo di saltare la notoria lista d'attesa, erano disposti a pagare un prezzo maggiorato, seppur convinti di stare acquistando presso un negozio "ufficiale". Questo mercato parallelo è stato identificato dalla polizia parigina lo scorso anno – sebbene operasse da altri 3 – e solo oggi si sono trovate le prove necessarie per procedere agli arresti.

This content is imported from Instagram. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.

A capo dell'associazione criminale ci sarebbe una quarantenne francese dalle origini tunisine, che avrebbe guadagnato decine di milioni di euro (il guadagno del finto showroom è stato stimato sul milione di euro, netto, al mese), che poi avrebbe reinvestito nel mercato immobiliare in Tunisia, e, probabilmente Portogallo. Si sospetta, inoltre, anche di beni poi venduti direttamente, a un prezzo maggiorato, in Asia. Un affare al quale la polizia parigina ha messo fine, consegnandoci una notizia che sembra presa da una puntata de La casa di carta.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News