Ogni abito di Raquel Welch è stato - e sarà - una sceneggiatura di Hollywood

Storia di uno in particolare che ha lasciato qualche dubbio (e malumore nella nuora).

pa news photo 5691  bride rebecca trueman and her husband damon, at their wedding with his mother raquel welch at bolton abbey after the blessing ceremony   photo by john giles   pa imagespa images via getty images
John Giles - PA ImagesGetty Images

L’abito sexy di Raquel Welch è un titolo non scritto di una sceneggiatura ancora da mettere in pellicola. La sua lunga vita è stata, ed è ancora a 80 anni, un susseguirsi di stagioni baciate ogni volta da un diverso soffio di magia. Il nome di Raquel Welch è saldamente nella lista delle 50 donne più belle della storia del cinema e così come Jane Fonda in generi diversi di film, ha scombinato i parametri dell’attrice sex symbol interpretando sempre ruoli di donna forte. È stata poi fra le prime a smentire il sopravvalutato mito della diva maledetta, ovvero: per essere una star non è necessario finire in prima pagina a causa di divorzi, dipendenze, etc . Anzi, proprio come per la Fonda, da quando ha superato i 70 anni si è tornato a parlare di lei perché grazie a uno stile di vita molto sano è rimasta molto attraente. Qualche pasticcio però, in 80 anni di vita lo ha combinato anche lei, e in occasione di un compleanno importante come questo la stampa angloamericana sta riportando a galla (con affetto) i peccati della star di Un milione di anni fa, il film che la rese famosa nel 1966. Come quando il 5 giugno del 1991, rovinò le nozze del suo primo figlio Damon...

Damon Welch è nato dal primo matrimonio di Raquel. La futura attrice, il cui cognome alla nascita è Tejada, aveva 19 anni quando si è sposata col fidanzatino del liceo James Welch. Era il 1958 quando, appena diplomata alla Jolla High School di Los Angeles, si è accorta di essere incinta. James le propose subito di sposarlo e nel maggio del 1959 è nato Damon. Due anni dopo è arrivata la seconda figlia, Latanne Rene, che poi diventerà attrice anche lei col nome Tahnee Welch. Raquel, che ha sangue latino nelle vene, era intenzionata a vivere tutta la vita a fianco a James, ma nel 1963 divorziarono. Due anni dopo era già sposata con il produttore Patrick Curtis, altra scelta sbagliata che la portò al secondo divorzio in 24 mesi. Per il terzo marito di Raquel si deve arrivare al 1980, col cineasta francoamericano André Weinfeld, con cui durò fino al 1990. Raquel si è sposata una quarta volta a 59 anni, nel 1999, con Richard Palmer, un ristoratore di Los Angeles più giovane di 15 anni che per lei ha scaricato la ragazza con cui stava per sposarsi. Divorziano nel 2004. Nel frattempo, però, Raquel non ha avuto altri figli e si è dedicata amorevolmente ai due avuti dal primo marito.

Raquel Weclh scende dall’auto al matrimonio del figlio Damon
John Giles - PA ImagesGetty Images


Un anno dopo il terzo divorzio di Raquel, nel 1991, è suo figlio Damon, allora 31enne, ad andare all’altare con la fidanzata Rebecca Trueman. Rebecca è figlia di un famoso sportivo inglese, la leggenda del cricket Fred Trueman, e ha raccontato al quotidiano britannico Express come quel giorno per lei si trasformò in un mezzo incubo. La cerimonia si teneva nell'idilliaca cornice dell'abbazia di Bolton nelle Yorkshire Dales e prima di entrare c’era un po’ di apprensione perché la madre dello sposo non arrivava. Si stava per cominciare quando una limousine si è fermata davanti al sagrato, l’autista è sceso ed ha aperto lo sportello per lasciare uscire la 50enne Raquel Welch. I parenti della sposa strabuzzarono gli occhi. Raquel, con ampio cappello bianco e occhiali da sole, strepitosa ma inappropriata, indossava un miniabito nero che, in ordine alfabetico di problemi era: aderentissimo, cortissimo e scollatissimo. In quell’occasione la Dea del Sesso di Hollywood aveva preso alla lettera il suo soprannome, facendo sbiadire il piccolo scandalo sollevato nel 1965 quando si era presentata al proprio matrimonio con Curtis in miniabito da sposa.

I parenti della sposa tremarono, consapevoli che il giorno dopo ogni rivista avrebbe parlato solo di quella suocera vicino alla quale, nelle foto, la sposa sembrava un evanescente ectoplasma. Era impossibile staccare gli occhi da Raquel. Tutto in quella mise era sbagliato, persino un filo blasfemo, per una chiesa. Persino nel colore nero, che è quello dei funerali. Già in chiesa il chiacchiericcio era tutto una gara a chi trovava la frase più indignata da esprimere, anche se per entrare nel luogo sacro Raquel aveva indossato un blazer. Ma al pranzo, il blazer finì sulla spalliera della sedia e gli occhi degli invitati erano tutti inchiodati sul florido décolleté dell’attrice che spuntava dall’oblò tagliato nella stoffa. La nonna paterna della sposa fu l’unica ad avere il coraggio di affrontare Raquel Welch e dirle chiaramente che quell’abito era stata una scelta inappeopriata. Raquel, che la natura ha dotato anche di un inguaribile ottimismo, era convinta che stesse scherzando e le ha risposto: “Ora so da dove ha preso il senso dell’umorismo, suo figlio”. La madre della sposa, Enid, era altrettanto furiosa: "Ha completamente rovinato il matrimonio di mia figlia", ha ripetuto spesso nei mesi seguenti.

Il matrimonio fra Rebecca Trueman e Damon Welch, comunque, non durò molto a prescindere da quell’incidente, solo quindici mesi. Oggi Rebecca Trueman ha 55 anni, è sposata con un altro uomo, e ricorda quel giorno con più indulgenza dei suoi parenti: “Raquel indossava proprio un bella giacca ricamata sopra l'abito”, racconta all’Express, difendendola: “stava cercando di rispettare la tradizione dei matrimoni inglesi che richiede il completo abito e giacca”, un tentativo che le scappò un po’ di mano. “In realtà io ho pensato che fosse molto elegante e bella quel giorno”, confessa la donna che ormai non ha più niente da rimproverare e che, in fondo, oggi riconosce che non avrebbe mai potuto essere lei al centro dell’attenzione in quella cerimonia dove i suoceri erano un sex symbol e uno sportivo superfamoso negli Uk. "Le auguro il più felice dei compleanni”, ha detto Rebecca “perché ho apprezzato enormemente il tempo che ha trascorso con me. Non guardate solo la sua capacità di apparire e rimanere bella, ma anche la sua intelligenza e il suo spirito”.

This content is imported from {embed-name}. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Look delle star