Semiotica del maglione più famoso di Lady Diana

Un brand lancia il remake del maglione vintage indossato da Lady D per replicare uno dei look più iconici (e dibattuti) di sempre.

Tornare a vestirsi come Lady Diana da giovane? Una sola risposta possibile: sì. La via l'hanno aperta le due nuore che la ex principessa del Galles non è mai riuscita a conoscere. Kate Middleton con l'allure da campagna inglese, la Britishness, l'eredità di stile diretta dall'anello di fidanzamento ricevuto da William; Meghan Markle copiando color blocking, cappotti over e uso sapiente del colore più difficile di tutti, il total black. Oggi si celebra il casual intelligente preferito dalla prima moglie del principe Carlo, e torna ufficialmente anche il maglione rosso di Lady Diana a pecore bianche - e una, simbolica, nera -, sfoggiato dalla principessa a più riprese. Col viso ancora dolce da ragazzina, Lady Diana e il suo maglione debuttarono nel 1980 assieme ad un paio di jeans classico denim, ad una partita di polo del futuro marito Carlo d'Inghilterra. Il secondo avvistamento a distanza di qualche tempo, post prima maternità di Diana e sempre ad una partita di polo: la principessa lo abbinò a irreprensibili pantaloni bianchi a gamba dritta e pump in tinta lacca, nel 1983, spiccando accanto alla cognata (e amica) Sarah Ferguson.

Tim GrahamGetty Images

Nella memoria il pullover era stato seppellito dai ricordi fashion dei look da sera di Lady Diana. Che in realtà amava particolarmente la comodità di tutti i giorni, pullover avvolgenti e giocosamente colorati, jeans e ciclisti, gonne midi a pieghe e giacche di taglio maschile. Quel maglione le piaceva particolarmente e come ogni pezzo del guardaroba di Lady Diana era destinato ad accogliere significati extraterritoriali: un maglione rosso acceso stampato a pecore bianche e una black sheep controcorrente rispetto alle altre, più simbolicamente Diana Spencer di così, era difficile. Tanto iconico quanto potente, il brand di moda uomo Rowing Blazers per la sua prima collezione donna è andato a recuperare il disegno originale creato dalle stiliste Joanna Osborne e Sally Muir nel 1979 per il loro marchio Warm And Wonderful, amato anche da David Bowie e Andy Warhol.

Georges De KeerleGetty Images

Fuori mercato dal 1994, il maglione di Lady Diana è stato copiato in modo non conforme infinite volte, specialmente dopo la scomparsa tragica di Lady D. E il suo ritorno ufficiale è una storia da romanzo a sé, come ha raccontato il fondatore di Rowing Blazers a WWD, sottolineando come l'interesse per lo stile di Diana Spencer sia sempre maggiore in questa epoca nostalgica, infusa di retromania e vintage: "Ho cercato Joanna per email anche se c'era il 90 per cento di possibilità che non avessi risposta, il 9% che mi dicesse che non le interessava e l'1% che mi rispondesse e fosse disponibile a lavorare insieme". E invece, come nelle favole, la risposta è arrivata ed è stata positiva: Joanna Osborne e Sally Muir, oggi scultrici e artiste, hanno accettato di ricreare uno dei loro fashion piece più celebri e iconici. "Ci siamo sempre identificate con le pecore nere. Dalla prima apparizione di Diana in uno dei nostri pullover rossi, lei e il disegno sono stati indissolubilmente legati". Oltre alla pecora nera, è stato riproposto anche il maglione rosa fragola con la scritta I'm a luxury che Diana sfoggiava nel tempo libero mentre giocava con i figli William e Harry. Ancora significati, ancora semiotica. E per sempre Lady D.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Look delle star