L'abito rosso di Lady D ricordo del suo Natale più felice

Era il 1982 e la Principessa di Galles aveva - apparentemente - tutto: un marito dolcissimo, un bimbo appena nato, un castello da sogno. Eppure...

Londra, Kensington Palace, Dicembre 1982. Il ritratto famigliare destinato a rimanere fra i ricordi più felici dei sudditi che credevano, già all’inizio degli anni Ottanta, che il destino del Regno Unito sarebbe stato racchiuso per sempre in quella trinità su pellicola fotografica: re e regina d’Inghilterra, futuro re d’Inghilterra. Il destino darà loro torto, nel modo più crudele possibile. Eppure, in quello scatto di 38 anni fa, possiamo far rivivere l’anno più spensierato della royal family inglese. Il royal baby in braccio a Carlo è un principe William di poco più di sei mesi, Lady D in abito rosso in vellutino, lungo a campana, dal colletto marinière e grande fiocco bianco sul petto (accessorio-dettaglio figlio degli 80s, non scordiamocelo…) sorride dolce e docile di fronte al fotografo ufficiale di casa Windsor.

Anwar HusseinGetty Images

Lo sguardo e le mani ancora un po’ inesperte di chi genitore è diventato da una manciata di mesi. Nel Natale 1982 il Principe Carlo e Lady D avevano chiesto lo stand-by assoluto sugli impegni in agenda, viaggi intercontinentali e ospitate lungo tutto il Regno, desideravano dedicarsi solo ed esclusivamente al piccolo William (P.S. La somiglianza con baby George è incredibile). Quello che succederà nei 15 Natali successivi, gli ultimi che vivrà Lady D, è storia del gossip e delle royal family news, è un susseguirsi di alti e bassi dal potere mediatico pesantissimo, e una disperata ricerca della verità (e della felicità) che nessuno, forse, ridarà mai a quel piccolo fagottino avvolto in un pagliaccetto bianco, il futuro re d'Inghilterra.

Anwar HusseinGetty Images
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito