Chi è la guardarobiera della Regina Elisabetta, l'unica donna che ha il permesso di starle accanto in lutto

Nel momento più difficile della sua vita, The Queen ha chiamato a sé solo 4 donne, e una di queste è la sua sarta di fiducia Angela Kelly.

Una cerchia ristretta di donne: una figlia, una nuora, una cugina acquisita e la guardarobiera reale. Niente uomini, sono queste le quattro figure rimaste vicino alla regina Elisabetta II dal momento della morte del principe Filippo. Così ha voluto lei, che ha trascorso la prima domenica della sua vita senza il marito facendosi accompagnare in chiesa e passeggiando i suoi due nuovi cani Corgi. The Queen cerca di reggere il colpo, ma quando non ce la fa a sopportare la separazione da quello che è stato il suo compagno di vita per 73 anni, si appoggia alle uniche signore con cui condivide una confidenza quasi paragonabile a quella che aveva con lui il quale, consapevole del vuoto che avrebbe lasciato, fra i messaggi lasciati ai figli ha raccomandato al principe Carlo “prenditi cura della regina”. Del team di consolazione fa parte la principessa Anna, quella che fra i suoi figli ha ereditato meglio il carattere forte e il sarcasmo del duca di Edimburgo. Sophie di Wessex, la sobria moglie del principe Edoardo, entrata in lacrime al castello di Windsor appena appresa la notizia del lutto, che piace alla regina tanto da preferire la sua presenza, in questo frangente, a quella di Kate Middleton. La terza è lady Pamela Hicks, la cugina affezionata di Filippo e amica di Elisabetta, figlia del conte di Burma Luis Mountbatten che in The Crown abbiamo visto morire in un attentato dell’Ira nel 1979 mentre era in barca. Solo la quarta donna della ristretta cerchia non ha legami di parentela con la regina, eppure da molto tempo Elisabetta non può fare a meno di lei, tanto da non volersene separare nel momento peggiore della sua vita: Angela Kelly. Chi è Angela Kelly, e cos'ha di tanto speciale?

La regina Elisabetta insieme alla direttrice del British Fashion Council Caroline Rush, Anna Wintour e la sua dressmaker Angela Kelly (a destra)
Getty Images

Se la regina Elisabetta è considerata un’icona di stile per signore agé, il merito è del guardaroba multicolor in cui trovano poco spazio il nero e i colori neutri. Quel guardaroba si trova all’ultimo piano di Buckingham Palace, lo occupa per intero e pare che la regina non ci abbia mai messo piede perché non ce n’è mai stato bisogno. A farlo sono le persone che lo gestiscono, il cui capo è Angela Kelly. Nel 2018 c’era Kelly al centro dell’affaire della tiara nuziale di Meghan Markle. Fra i 36 diademi a disposizione, la fidanzata del principe Harry voleva indossarne una in particolare, la Greville Emerald Kokoshnik. Kelly, un filo sdegnata per tanta superbia, le aveva spiegato che non era lei a decidere come disporre dei gioielli della Corona e che comunque quel pezzo era già stato destinato alle nozze di Eugenia di York. Angela finì nella lista nera dell’ex attrice, senza che questo compromettesse minimamente l’opinione della regina su di lei. Ma il potere della signora Kelly si estende ben oltre la routine della sovrana. Quando la principessa Beatrice, nel luglio del 2020, si è presentata alle sue nozze con un vecchio abito della nonna rimodellato e adattato, l’idea era stata di Kelly che è una sarta e una guardarobiera, lavora per la regina col titolo di Consulente personale di Sua Maestà e responsabile dell'armadio della regina, ma è prima di tutto la sua confidente. La sovrana britannica e la sua dresser di fiducia si sono conosciute nel 1992. Nel mese di ottobre di quell'anno la regina, in visita ufficiale in Germania, fu ospite con il principe Filippo nell’abitazione dell’ambasciatore britannico Sir Christopher Mallaby e di sua moglie. I reali rimasero colpiti dalla loro giovane governante di 24 anni sobria e precisa, e le rivolsero la parola per sapere qualcosa di più su di lei. La ragazza si presentò e raccontò che dopo quell’esperienza di lavoro aveva intenzione di tornare presto nel Regno Unito. La regina, donna le cui simpatie nascono dalla prima impressione, prese nota mentalmente di lei e le offrì qualche mese dopo di entrare a far parte del suo staff di guardarobiere.

Getty Images

Kelly non proveniva da una famiglia facoltosa, tutto il contrario. Cresciuta a Liverpool, è figlia di una infermiera e di un operaio edile specializzato nel manovrare le gru. Non ha ricevuto nessun tipo di istruzione legato alla moda ma sapeva cucire bene perché sua madre, molto brava con l’ago, le aveva insegnato a farsi i vestitini delle bambole da sola. Inoltre, non si è neanche avvicinata all’idea di frequentare un college. Eppure si dedicò anima e corpo all’incarico perché considerava una fortuna che la regina le avesse accordato tanta fiducia, e imparò sul campo e da autodidatta l’arte del design di abiti. Si diede così tanto da fare che a 28 anni, tre dopo essere entrata a far parte dello staff della regina, era già stata promossa Senior Dresser, e nel 2002 aveva assunto il titolo che porta oggi e che fa di lei la curatrice e designer ufficiale degli abiti della Regina. Intervistata al tempo della sua promozione, Kelly, che ha premesso di essere “nata umile e voler restare umile”, ha cercato di dare una spiegazione alla preferenza che le ha accordato la regina e con modestia non ha saputo darla, a parte ammettere che Sua Maestà la trova “degna di fiducia e discreta". Anche se ha comportato una dedizione totale – e un divorzio – il lavoro di Angela Kelly è invidiabile perché se da piccola cuciva vestitini per le bambole, oggi ha il privilegio di sceglierli, e anche disegnarli lei stessa per la figura più in vista del mondo. Kelly ha firmato il completo giallo chiaro che la regina indossava alle nozze del principe William e Kate Middleton nel 2011, e il completo color latte e menta che ha indossato il giorno del Ringraziamento durante il suo Diamond Jubilee del 2012. L’autrice ne è rimasta così soddisfatta da aver fondato anche un suo brand di moda con un’altra sarta, Alison Pordum, che hanno chiamato Kelly & Pordum. Inoltre ha pubblicato due libri, Dressing The Queen e The Other Side of the Coin: The Queen, the Dresser and the Wardrobe. Nonostante la regina non ami che si racconti il suo privato, non si è irritata per il modo formale con cui lo ha fatto lei. Anzi, l’ha insignita del grado di luogotenente del Royal Victorian Order. Angela Kelly è una delle poche persone al mondo autorizzate a toccare la regina, privilegio riservato solo ai parenti stretti. Nonostante Elisabetta le abbia concesso tutta questa confidenza, lei ha sempre mantenuto un piede all'interno della riga che le divide. Si credeva che le due trascorressero tutto il tempo insieme chiacchierando di moda e gioielli. Ma quando è stata vista nei giardini di Windsor parlare fitto al telefono con aria cupa, evidentemente coinvolta nelle esequie del duca di Edimburgo, per poi rientrare liberamente senza controlli, è stato chiaro che il legame fra Angela Kelly e la regina va molto oltre il dover scegliere, fra due abiti neri, quale far indossare alla sovrana per il funerale del principe Filippo.

Angela Kelly con la croce del Royal Victorian Order
Getty Images

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Look delle star