Embrace the Chill. Avvolgente, soffice, confident, capace di darci sicurezza, riparo, positività e fiducia. Il cappotto è il "capo comfort zone" per eccellenza del guardaroba. Non solo per la sua indubbia praticità ed eleganza, ma soprattutto perché ci fa sentire - una volta indossato - davvero come al centro di un caldo abbraccio. Non è un caso che i cappotti Max Mara siano l'emblema di tutto questo, grazie alla curatissima confezione sartoriale, ai loro tagli "strategici" e sempre attuali, alla altissima qualità dei materiali e alla cura che li caratterizza in ogni minimo dettaglio. Ancor più nel caso del Teddy Bear Coat, ultimissimo cappotto iconico Max Mara, tra i nuovi best seller di vendita, amato dalle fashion addict e dalle celebs di tutto il mondo per le sue incredibili doti di stile... ma non solo. Ispirato ad alcuni modelli d'avanguardia, creati negli anni '80 utilizzando davvero fibre "peluchic" usate per gli orsetti dei bambini, è diventato l'insuperato must della stagione, vantando infinite copie e malriuscite imitazioni. Impossibile, infatti, replicare l'opulenta leggerezza di questo cappotto a uovo in "faux fur" di lana, alpaca o cammello su base di seta, che si modella con eleganza sul corpo valorizzandoci al massimo, qualsiasi sia il nostro look, temperamento, età, attitudine, professione, silhouette (e corporatura).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Proprio per testare questa sua innata versatilità e raccontare tutte le piccole-grandi emozioni che sfoggiare un Teddy Bear Coat può regalare - e ispirandoci un po' al movimento del "free-hug" - lo abbiamo fatto "provare" a quattro ragazze molto diverse tra loro per vita, stile, carattere (e anche come fisionomia) alle quali abbiamo chiesto di raccontarci le loro primissime impressioni una volta indossato. Conosciamole insieme...

Caterina Bardi

Studentessa al Liceo Linguistico, 16 anni, è arrivata prima al nostro concorso di street casting "Future Visioni Model Search" a Viareggio.

Daniele Rossi
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Tre aggettivi per descrivere il Teddy Bear Coat?
Calorosissimo, morbidosissimo e bellissimo.

Qual è la sensazione "a pelle" che hai provato indossando il Teddy Bear Coat?
Mi ha trasmesso sicurezza, un grande senso di protezione, dal freddo... ma non solo. Anche dagli sguardi degli altri. E questo mi fa sentire un po' più sicura di me stessa.

A cosa assoceresti il Teddy Bear Coat?
Come dice il nome, al vello di un tenerissimo orsetto, perché è davvero super caldo.

A quale tipo di look o outfit abbineresti il Teddy Bear Coat?
Il mio stile è molto casual. Lo indosserei sempre, anche solo con T-shirt e jeans.

Quali sono le "coccole" che preferisci dedicare a te stessa?
Mi rilasso quando riesco ad andare dal parrucchiere (e dalla manicure).

Come si chiamava il tuo peluches preferito? Ci racconti un aneddoto legato a lui?
Si chiama Mister Bob e se non lo avevo accanto non riuscivo a dormire. Lo tengo sempre ancora con me!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Marcellina Di Chio

Event organizer e PR per Roll Over e Apollo Club a Milano. È mamma della piccola Spipy.

Daniele Rossi

Il cappotto per te è…?
Davvero come una seconda casa.

Tre aggettivi per descrivere il Teddy Coat?
Super comfy, caldo, furry.

Qual è la prima sensazione che hai provato indossando?
Mi sono sentita come avvolta da un'aurea di positività. E sulle mie labbra, quasi senza che me ne accorgessi, é spuntato il sorriso...

Il Teddy Coat raccontato attraverso il tatto, quali sono le tue sensazioni?
Morbidezza, dolcezza, serenità. Mi piace stringermici dentro, mi ricorda i peluches di quando ero piccola, o quelli di mia figlia.

Immaginiamo che il Teddy Bear Coat sia un abbraccio… di chi?
E' davvero come l'abbraccio di una mamma...

A quale tipo di look o outfit abbineresti Teddy Bear Coat?
Come mi vesto io tutti i giorni: total black, perfetto!!!

Quali sono le "coccole" che preferisci dedicare a te stessa?
È veramente difficile che io abbia tempo per me stessa, tra famiglia e lavoro non stop. Ogni tanto mi concedo un massaggio. O una super sessione di shopping.

Come si chiamava il tuo peluches preferito? Ci racconti un aneddoto legato a lui?
Il mio era un classico orsacchiotto, mentre quello di mia figlia è un cagnolino di nome Gughi. E' parte integrante "della famiglia". L'ultima volta che l'ho portata al parco, mi ha chiesto di spingere l'altalena per lei... e per lui.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Luna Christensen

Modella italo-danese, capelli rossi e sorriso irresistibile, con un passato da sciatrice (e un debole per il cioccolato).

Daniele Rossi

Il cappotto per te è…?
Un capo che uso sempre, è il mio pezzo preferito dell'armadio.

Tre aggettivi per descrivere il Teddy Coat?
Morbidoso, super warm, "orsacchiottoso".

Qual è la prima sensazione che hai provato indossando il Teddy Bear Coat?
Mi ha fatto sentire proprio protetta.

Il Teddy Coat raccontato attraverso il tatto, quali sono le tue sensazioni?
Mi ricorda una calda copertina di Linus.

Immaginiamo che il Teddy Bear Coat sia un abbraccio… di chi?
Potrebbe essere quello di un papà che ti protegge, oppure quello di un fidanzato particolarmente coccoloso.

A quale tipo di look o outfit abbineresti Teddy Bear Coat?
E' un vero e proprio capo passepartout. Si può davvero indossare su tutto, con tutto e in tutte le occasioni. Lo metterei con pull, pants & boots durante il giorno. Abbinato ai tacchi alti per la sera. Con i jeans neri? sempre!

Quali sono le "coccole" che preferisci dedicare a te stessa?
Essenzialmente due. A casa, un bagno caldo tutto schiuma e olii essenziali profumati, a lume di candela. In spa, con le mie amiche del cuore.

Come si chiamava il tuo peluches preferito? Ci racconti un aneddoto legato a lui?
A dire il vero non gli ho mai dato un nome proprio, però ce l'ho ancora. È un coniglio marrone super fluffy, mi ricordo che me lo regalò la mia BFF quando avevo 5 anni. Da allora viaggia sempre in borsa con me!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Bianca Rapazzini

21 anni, booker per una delle più importanti agenzie di modelle di Milano. Bella come un quadro di Jan Vermeer, ma dall'animo rock.

Daniele Rossi

Il cappotto per te è…?
Un immancabile nel mio look. Ma deve essere davvero "anti-freddo" e avere quel quid in più a livello di stile. In un mix di praticità ed estetica. Proprio come me...

Tre aggettivi per descrivere il Teddy Coat?
Caldo, morbido, avvolgente.

Qual è la prima sensazione che hai provato indossando il Teddy Bear Coat?
È stato un po' come essere la domenica mattina sotto le coperte.

Il Teddy Coat raccontato attraverso il tatto, quali sono le tue sensazioni?
Mi ha ricordato la sensazione di accarezzare un dolcissimo cagnolino.

Immaginiamo che il Teddy Bear Coat sia un abbraccio… di chi?
Del mio ragazzo, l'unica persona al mondo da cui mi lascio abbracciare! Non amo particolarmente il contatto fisico.

A quale tipo di look o outfit abbineresti Teddy Bear Coat?
È molto versatile, per il giorno e la sera. E' elegante e dégagé allo stesso tempo. Sul lavoro e nel tempo libero. Cool, con jeans e sneakers. Chic con un little dress, tacchi o alti stivali. Un mio personalissimo "outfit of the day"? Abbinato con jeans a zampa e booties neri.

Quali sono le "coccole" che preferisci dedicare a te stessa?
L'irresistibile richiamo total relax dell'abbinamento divano + coperta + te caldo e biscotti (o cioccolato).

Come si chiamava il tuo peluches preferito? Ci racconti un aneddoto legato a lui?
Avevo un orso polare enorme, quasi più alto di me. Non gli ho mai dato un nomignolo, era semplicemente Orso. E - viste le dimensioni - non potevo neanche portarlo in giro. E' stato uno dei più bei regali che mi ha fatto la mamma. Era super soffice e tenero. Poi... il mio cane pian piano se l'è mangiato...

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Daniele Rossi

Accanto ai già leggendari cappotti "101801" & Manuela, il Teddy Bear Coat è uno dei più amati "icon coat" firmati dalla maison Max Mara e si ispira all'heritage di alcuni modelli anni '80 realizzati con un tessuto utilizzato ai tempi da alcuni laboratori di peluche artigianali haute de gamme. Poiché molto del loro know-how è andato perso, è stato necessario ideare un nuovo sistema per riprodurre la lussuosa morbidezza e la mano naturale di questo inedito materiale peluc-chic. Grazie alla collaborazione con un fornitore italiano, è stato possibile riportare in passerella (e nei nostri cuori) questo nuovo icon coat già a partire dalla stagione Autunno Inverno 2013. Da allora il Teddy Bear coat è disponibile nei negozi Max Mara e online in tre colori "signature" continuativi - cammello, nero e rosso - a cui, da questa stagione, si sono aggiunte le versioni rosa, cacha, bianco, blu oltre alla versione super fashion, "black & white animalier". Vincitore nel 2017 del "Best of the Best Award" nella categoria "women's coats" ci accompagnerà a passo sicuro da un inverno all'altro. Come un caldo abbraccio...