Quali sono i marchi di moda italiana più seguiti su Instagram (post MFW)

Chi ha accresciuto maggiormente i suoi follower, quanti post sono stati pubblicati e quanto il pubblico ha interagito con i brand: una ricerca mette i voti alla settimana della moda di Milano e non solo.

Dopo aver dibattuto ampiamente della Settimana della moda di Milano, conclusasi il 1 marzo, non resta altro da fare che tirare le somme, in senso letterale: è questo quello che ha fatto, in buona sostanza, il Fashion Index di Blogmeter. E in effetti, se si pensa che questa fashion week si è svolta quasi esclusivamente su un palcoscenico digitale, sembra ragionevole misurarne i risultati tramite gli strumenti del digitale: i risultati in materia di interazioni, aumento dei follower, menzioni dei brand sui canali Instagram, ma anche sugli altri social, da Facebook a Twitter passando per YouTube. Partendo dalle basi, l'hashtag ufficiale #MFW ha ottenuto oltre tre milioni di interazioni, ed è stato quello più usato (6,700 volte), mentre le interazioni totali raggiunte dall'evento sono state 7,61 milioni, mentre, a esser nominati più spesso nelle conversazioni tra utenti sono marchi come Prada, Etro, Alberta Ferretti, Fendi, Max Mara. Un risultato che deve tenere in conto del nuovo giocatore in scena, che è Tik Tok: gli influencer attivi sulla piattaforma, pur se non presenti fisicamente alle sfilate, tramite post ad hoc sono riusciti a generare un traffico positivo per i brand che hanno menzionato. Elisa Maino, ad esempio, ha sfruttato Tik Tok per realizzare delle interviste con protagonisti i designer, come nel caso di Alberta Ferretti. Contenuti caratterizzati dalla dicitura #adv e che però hanno attratto una folta schiera di utenti. Le challenge disponibili sempre sul canale, invece come il #TikTokFashionMonth hanno raccolto 4,7miliardi di views, mentre #LaNostraModa 13,5 milioni. Su Instagram a farsi notare sono stati invece i post di Barbara Palvin sulla sfilata di Etro, che ha generato 1,7 milioni di interazioni mentre la star di Netflix Lana Condor, attrice arrivata alla fama con la trilogia All the boys i've loved before, è andata oltre 1,6 milioni di interazioni con post riguardanti le sfilate di Dolce & Gabbana, e Valentino.

This content is imported from Instagram. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.

Ma qual è il brand di moda che su Instagram ha destato maggiore interesse? In materia di engagement – cioè la capacità di un'azienda di creare con il suo cliente o utente finale una interazione fidelizzata – a livello totale è stata Elisabetta Franchi, grazie a uno show inaspettato alle Scuderie della Malaspina, ri-condiviso con un'alta frequenza. In numeri, si tratta di 1 milione circa di interazioni, con una flessione del 20% rispetto alla stagione precedente. Chi invece guadagna in visibilità è Prada, medaglia d'argento con solo una decina di migliaia di interazioni in meno (segnando però un +61,7% rispetto alla scorsa stagione invernale, prima della virata social delle sfilate divenute preludio di una conversazione tra i designer e con il pubblico molto attesa). Rapportando invece le interazioni con il numero dei follower, a spiccare è Chb, il brand fondato lo scorso anno da Christian Boaro, una lunga militanza in brand come Gianfranco Ferré, Ports 1961 e Dolce & Gabbana, prima dell'avventura in solitaria. Il suo brand, con un video nel quale appaiono icone come Simonetta Gianfelici, top degli Anni 80, e Marie Sophie Wilson, volto botticelliano amato da Lindbergh nei 90, ha generato più interazioni, in paragone, di Elisabetta Franchi, Giorgio Armani ed Etro.

This content is imported from Instagram. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.

Chi, però, grazie alla fashion week ha registrato un nuovo numero di follower maggiori è Prada (con 72,5 k di seguaci in più) seguito da Fendi ( +7,2 rispetto alla scorsa stagione, con 55,24 k). L'outsider che ha "sbaragliato i concorrenti", è stato però Versace, che ha sfilato il 5 marzo, durante la settimana della moda parigina, fuori dal calendario di Milano, una scelta sulla quale Donatella ha voluto rassicurare il fashion system italiano, con un comunicato ad hoc nel quale spiegava che si trattava di una scelta una tantum, necessaria per far fiorire la creatività in un momento diverso. Con solo 14 post creati dal brand ed inerenti alla sfilata, l'evento ha generato un engagement di 990 k, facendo guadagnare alla maison della Medusa 72,9 k di follower. A raccogliere maggiore successo è stato il post del quale era protagonista Gigi Hadid che, dopo il parto di sua figlia, ha deciso di tornare al lavoro proprio in occasione della sfilata del brand. Tornando a sancire un primato personale, e mettendo la parole fine su qualunque pretesa di primato, prendendosi, insieme a Donatella Versace, la fashion week di Milano, seppure a distanza di qualche giorno. Ma d'altronde, i cavalli vincenti si vedono alla fine della corsa.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze